La febbre dell’oro blu

ITIS "Feltrinelli" - Milano, classe II LA

La nostra vita è legata all’acqua ed ogni attività umana dipende dalla possibilità di accedervi. L’acqua è un bene comune e l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari è un diritto umano sancito  nel 2010 dall’ ONU e successivamente dal consiglio dei diritti umani.
Ogni stato dovrebbe impegnarsi affinché tutti possano godere di un approvvigionamento di acqua potabile e mantenere un’igiene adeguata grazie alle strutture sanitarie e agli impianti di trattamento delle acque reflue.
Eppure ad oggi le analisi condotte dall’ ONU mostrano che circa 844 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile, 2,3 miliardi non dispongono di impianti sanitari adeguati. Nei paesi in via di sviluppo l’80% delle malattie sono riconducibili esclusivamente a condizioni igienico-sanitarie carenti.
Le principali cause sono riconducibili a fattori socioeconomici, politici, geografici e ambientali. In molti casi, tuttavia, la causa principale dei problemi non è la carenza idrica in sé, ma piuttosto la mancanza degli investimenti finanziari a livello nazionale e internazionale volti a rendere accessibili, ove necessario, risorse idriche di qualità adeguata.
Molto spesso, infatti, le persone non hanno i mezzi economici per garantirsi un accesso all’acqua regolare e sicuro.
In alcune aree, l’acqua può essere contaminata da agenti patogeni, prodotti chimici o inquinanti ambientali; rendendo l’acqua inutilizzabile o pericolosa per il consumo umano. Altre  aree geografiche possono avere una maggiore abbondanza di risorse idriche rispetto ad altre, creando disuguaglianze nell’accesso.
Conflitti armati, instabilità politica, calamità naturali estreme, mancati investimenti e manutenzione delle infrastrutture; possono ostacolare la gestione efficiente delle risorse idriche e la distribuzione equa dell’acqua.

AUTORI: Cipolla Camilla, Franco Sofia, El Komous Jasmin, Castelli Alessandro, Schillaci Gabriele 2LA Scienze Applicate ITIS G. Feltrinelli

Contenuto correlato